Narrativa straniera

Amy e Isabelle di Elizabeth Strout

Madre e figlia, un rapporto fatto di amore e odio. Si amano ma non lo sanno mostrare, si odiano ma non possono fare a meno l’una dell’altra. Due donne legate da una sottile linea nera sempre tesa tra di loro. Vivono a Shirley Falls nella sonnacchiosa provincia americana, sole, uguali l’una all’altra, chiuse nel loro piccolo mondo. Un mondo dove i rapporti tra donne – madri, figlie, amiche – è analizzato senza tralasciare nulla, nemmeno i sentimenti più negativi che si tengono chiusi nel profondo. Un mondo dove gli uomini sono traditori, bugiardi, approfittatori, nei migliori dei casi poco attenti. Una storia come tante. Una storia comune. Sembra solo questo, ma è molto molto di più.

Ad Amy sembrava che una linea nera le tenesse collegate, una linea non più pesante di un tratto di matita, forse, ma una linea che era sempre presente. Anche se una di loro usciva dalla stanza per andare in bagno, o alla fontanella che stava fuori nel corridoio, per dire, la linea nera non aveva problemi; non faceva altro che passare attraverso il muro e continuare a tenerle unite.

Mi è piaciuto molto.

Veramente bello. Una storia comune narrata in modo magistrale. Sentimenti e desideri espressi con lucida partecipazione e le descrizioni della provincia americana, dei boschi, dei campi, delle case sono piccoli quadri; ogni riga una pennellata che compone un quadro stupendo.

Voto: 5/5


Titolo Amy e Isabelle

Autore Elizabeth Strout

Paese USA

Editore Fazi Editore

Numero pagine 474

Se siete interessati ad acquistare questo libro noi vi suggeriamo di preferire le piccole librerie indipendenti. Se però avete necessità di acquistarlo online, usando il link qui sotto una piccola percentuale del prezzo ci verrà accreditata permettendoci di seguire la nostra passione e acquistare altri libri da consigliarvi. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *