Narrativa straniera

La strada di casa di Kent Haruf

Jack Burdette è tornato a Holt. Il suo ritorno in città a bordo di una vistosa Cadillac rossa non passa inosservato e non viene accolto con entusiasmo. Le ferite che l’uomo ha lasciato dietro di sé non si sono ancora rimarginate; otto anni prima si è appropriato di un’ingente somma di denaro sottratta ad un’azienda locale ed è fuggito abbandonando una moglie incinta e due figli piccoli.

Holt è sempre andata stretta a Jack e lui ha sempre tenuto un comportamento diverso da tutti gli altri abitanti: se ne è andato di casa molto presto e senza alcuna spiegazione ha abbandonato Wanda Jo Evans la ragazza che lo amava perdutamente, per sposare in tutta fretta Jessie, una donna conosciuta durante una convention aziendale.  

Il suo amico Pat Arbuckle, come tutti gli abitanti di Holt, considerava il comportamento di Jack eccentrico e persino divertente. Il furto all’amministrazione dei silos della cooperativa locale e la fuga successiva di Jack sono state invece vissute come un tradimento profondo nei confronti della comunità e per diverso tempo la sua colpa è stata riversata su Jessie che, senza aiuti e sostentamenti, era rimasta a Holt.

Faticosamente i cittadini di Holt sono andati avanti e la vita ha ripreso a scorrere su binari tranquilli. Il tradimento di Jack Burdett è diventato un pallido ricordo, Jessie è riuscita a farsi accettare dai suoi concittadini e Pat Arbuckle, diventato direttore del giornale locale, ha messo ordine nella sua vita privata. Ma i piani di Jack sono diversi.

“Immagino che per certe persone una cattiva notizia possa risultare letale. Specie se è improvvisa e inaspettata. O meglio se non ci sei abituata, se finora hai tirato avanti in modo passivo, sperando che tutto sarebbe andato bene malgrado fosse evidente il contrario, se hai ventinove anni e credi ancora che un uomo ti sposerà solo perché gli hai lavato i calzini sporchi per otto anni e sei andata a letto con lui ogni sabato sera per tutto quel tempo, allora credo che una cattiva notizia possa ucciderti.”

Mi è piaciuto molto

L’atmosfera calma e avvolgente di un’America rurale e personaggi indimenticabili che affascinano. Un racconto lirico e sentimenti profondi, forti e brutali.  

Voto: 5/5


Titolo La strada di casa

Autore Kent Haruf

Paese U.S.A.

Editore Enne Enne Editore, 2020

Numero pagine 194

Se siete interessati ad acquistare questo libro noi vi suggeriamo di preferire le piccole librerie indipendenti. Se però avete necessità di acquistarlo online, usando il link qui sotto una piccola percentuale del prezzo ci verrà accreditata permettendoci di seguire la nostra passione e acquistare altri libri da consigliarvi. Grazie!

2 commenti

  • Marta

    Ciao Emilia!
    Ho trovato interessante leggere la tua opinione. Io di Kent Haruf ho ascoltato l’audiolibro di “Crepuscolo” e pur apprezzandone la stesura non l’ho trovato interessante né avvincente, al punto tale da non terminarne l’ascolto.
    Devo però riconoscere che il lettore non era molto coinvolgente e questo influisce non poco nella possibilità di apprezzare a pieno un audiolibro, soprattutto quando è lungo come “Crepuscolo”.
    Tu l’hai letto? Ti è piaciuto?
    Ciao e grazie!

    • Emilia

      Ciao Marta!
      Non ho letto Crepuscolo, ma La strada di casa mi è piaciuto molto. Lo stile di scrittura è più lento e cadenzato rispetto a quello di altri autori americani, ad esempio gli scrittori di thriller, ma la storia è veramente bella. Se hai occasione di leggerlo o ascoltarlo, fammi sapere cosa ne pensi. Ciao
      Emilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *