Narrativa straniera

Lasciami andare, madre di Helga Schneider

È il 6 ottobre 1968. Helga si reca a Vienna per incontrare la madre anziana. Il loro precedente incontro, avvenuto non 1971, è stato un fallimento: sentirla raccontare in toni entusiasti di sé e del proprio passato era stato lacerante per Helga, che si è ripromessa di non incontrarla più. Quando però ha ricevuto una lettera che la invitava ad andare dalla donna ormai novantenne non ha saputo resistere: il desiderio di capire le scelte della madre è stato più forte dell’odio che prova nei suoi confronti.

Helga era una bambina quando la madre ha deciso di arruolarsi nelle S.S. abbandonando lei e il fratellino Peter di 19 mesi. Mentre Helga cresceva con una matrigna che la maltrattava e che ha imposto a tutti di mentire facendo credere a Peter di essere figlio suo, la madre lavorava nei campi di concentramento: Sachsenhausen, Ravensbruck e infine Auschwitz-Birkenau. Fervente seguace dell’ideale nazista, la donna ha svolto il proprio compito con sadica solerzia, partecipando alle innumerevoli crudeltà e barbarie a cui venivano sottoposti gli ebrei.

In quello che probabilmente sarà l’ultimo incontro con la madre, Helga la incalza nel desiderio di sentire una parola di pentimento o almeno l’ammissione di aver provato pena per i bambini che ha accompagnato nella camera a gas. Ma Helga si trova davanti una donna che, pur se fragile e minata nel fisico, è incapace di rinunciare alle proprie convinzioni e al proprio ruolo di irremovibile e fiera S.S.. Una donna che Helga vorrebbe tanto odiare e perdonare allo stesso tempo, ma entrambe le cose le risultano impossibili.

Ti guardo, madre, e provo un dissidio terribile, lacerante: l’istintiva attrazione per il mio stesso sangue e l’irrevocabile rifiuto per ciò che sei stata – per ciò che ancora sei.”

Mi è piaciuto

Ci sono romanzi che in poche pagine riescono a raccontare tanto e toccare l’animo del lettore in modo indelebile. Questo è uno di quelli e rientra tra quelli che è “necessario” leggere. Narrare gli orrori del nazismo non è facile. In questo caso è la voce di una protagonista che da un punto di vista insolito ce ne offre un racconto doloroso e impietoso.

Voto: 5/5


Titolo Lasciami andare, madre

Autore Helga Schneider

Editore Adelphi Edizioni, 2001

Numero pagine 132

Se siete interessati ad acquistare questo libro noi vi suggeriamo di preferire le piccole librerie indipendenti. Se però avete necessità di acquistarlo online, usando il link qui sotto una piccola percentuale del prezzo ci verrà accreditata permettendoci di seguire la nostra passione e acquistare altri libri da consigliarvi. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *