Gialli nordici

Vittima numero 2117 di Jussi Adler-Olsen

Sul lungomare di Barceloneta un contatore segna il numero dei profughi  di cui il mare restituisce i cadaveri. Sono i corpi di poveri migranti che lasciano i loro affetti con il miraggio di trovare un paese che li accolga e che spesso muoiono annegati a pochi chilometri dalla riva.

La vittima numero 2117, una donna, non ha però subito la tragica fine comune a molti profughi, è stata assassinata e il suo corpo è stato gettato in mare poco prima che il barcone approdi all’isola di Cipro. Joan Aiguader, un giornalista freelance che collabora con il quotidiano catalano Hores del Dia, animato dalla smania di emergere e fare carriera, decide di raccontare la storia di questa donna sfortunata.

Certo di avere trovato lo scoop che darà una svolta alla sua traballante carriera, segue attraverso l’Europa le tracce di un gruppo di persone che sembrano collegati alla vittima e grazie ai suoi articoli la notizia della morte della vittima numero 2117 diventa di dominio pubblico e tutti i giornali ne riportano la notizia.

Assad, l’assistente di Carl Morck capo della Sezione Q, riconosce nella vittima 2117 una persona a lui molto cara. Costretto a svelare al suo capo aspetti del suo passato che aveva tenuto nascosti, Assad capisce che la morte della donna è un messaggio rivolto a lui che arriva dal suo tragico passato.

Joan Aiguader, Assad e Carl si ritroveranno ad affrontare uno spietato terrorista senza scrupoli animato da un odio profondo e cercheranno in tutti i modi di sventare un attentato che può causare la morte di molte persone.

A Copenaghen intanto, un ragazzo, che da tempo trascorre le sue giornate rinchiuso nella sua stanza davanti a un computer, decide di vendicare la morte della povera donna, prima però dovrà arrivare al livello 2117 di Kill Sublime il gioco che lo tiene impegnato giorno e notte. Del caso di occupa il resto della Sezione Q, ma Carl e Assad daranno il loro contributo.

“La migliore strategia per disarmare gli altri era semplicemente non rispondere. Sulle prime la gente reagiva con frustrazione, ma poi rimaneva paralizzata. Il silenzio è un’arma contro tutti aveva sentito dire una volta. Nel silenzio morivano i rapporti tra le persone, sparivano le amicizie. Era la migliore arma dei politici, più della menzogna.”

Mi è piaciuto

Nuovo giallo della sezione Q di Copenaghen. Forse meno emozionante dei precedenti ma sempre piacevole da leggere. Consigliato a chi, nei gialli, piace l’azione.

Voto: 3/5


Titolo Vittima numero 2117

Autore Jussi Adler-Olsen

Paese Danimarca

Editore Marsilio, 2020

Numero pagine 301

Se siete interessati ad acquistare questo libro noi vi suggeriamo di preferire le piccole librerie indipendenti. Se però avete necessità di acquistarlo online, usando il link qui sotto una piccola percentuale del prezzo ci verrà accreditata permettendoci di seguire la nostra passione e acquistare altri libri da consigliarvi. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *