Narrativa straniera

L’apicultore di Aleppo di Christy Lefteri

Nuri è soddisfatto della propria vita. Da quando è riuscito a far accettare al padre il fatto che non intendeva continuare l’attività di famiglia di commercio di tessuti, ha iniziato a fare l’apicultore insieme a suo cugino Mustafa. All’inizio composta solo da qualche arnia alla periferia est di Aleppo, la loro impresa si è ingrandita sempre più fino a giungere a produrre e vendere cosmetici a base di miele e avere clienti importanti anche all’estero. L’incontro con Afra, avvenuto qualche anno prima ad un matrimonio di un parente, è stato per Nuri amore a prima vista e l’ingresso della donna, dall’animo artistico e piena di passione, nella sua vita ha fatto sentire Nuri ancora più realizzato.

Afra ogni sera, dopo aver trascorso la giornata al bazar a vendere i quadri che dipinge, aspetta Nuri a casa insieme a Sami, il loro bambino. Nuri non potrebbe desiderare nulla di più: trascorre le sue giornate insieme alle api che cura con amore e dedizione e le serate in compagnia della donna che ama, leggendo per il figlio curioso e intelligente.

Ma in breve tutto cambia. Ad Aleppo si respira un clima di violenza. Presto bande armate iniziano a girare per le strade mentre il fiume Quwayq continua a restituire i cadaveri dei tanti ragazzi giustiziati immotivatamente. Quando sulla città iniziano i bombardamenti e la situazione diventa ogni giorno più pericolosa, chi può cerca di lasciare la città e trovare il modo per fuggire all’estero. Tra loro anche Mustafa e la sua famiglia. Ma per Nuri e Afra non è facile lasciare Aleppo, significa rinunciare a tutto ciò che hanno, e abbandonare tutto ciò che hanno perso.

Devi convincere Afra a partire. Sei troppo tenero, troppo sensibile. Qualità ammirevoli per lavorare con le api, ma non adesso. Cercherò di raggiungere l’Inghilterra per trovare mia moglie e mia figlia. Vattene da qui, Nuri, non è più casa nostra. Ormai Aleppo è come la salma di una persona cara, non ha più vita né anima. è piena solo di sangue marcio.”

Mi è piaciuto

Un bel romanzo capace di essere lieve e doloroso contemporaneamente. L’autrice crea dei protagonisti il cui ingombrante bagaglio di dolore impedisce loro di aprirsi, di fidarsi e confidarsi, anche con il lettore che procede passo passo, al loro fianco, nella speranza della loro salvezza, non solamente fisica.

Voto: 3/5


Titolo L’apicultore di Aleppo

Autore Christy Lefteri

Paese Gran Bretagna

Editore Piemme, 2019

Numero pagine 292

Se siete interessati ad acquistare questo libro noi vi suggeriamo di preferire le piccole librerie indipendenti. Se però avete necessità di acquistarlo online, usando il link qui sotto una piccola percentuale del prezzo ci verrà accreditata permettendoci di seguire la nostra passione e acquistare altri libri da consigliarvi. Grazie!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *