Gialli nordici

La terapeuta di Helene Flood

Sara è una psicologa. Trasferitasi ad Oslo per vivere con Sigurd, il giovane architetto di cui si è innamorata, da poco tempo ha aperto uno studio privato dove lavora con ragazzi in difficoltà. La madre di Sara, affetta da Alzheimer precoce è morta quando lei aveva sette anni a causa di un ingestione eccessiva di farmaci. La sorella Annika, più grande di lei di qualche anno, è un avvocato e vive insieme al marito e ai loro tre figli. Il padre, un sociologo dalle tesi estreme con cui i rapporti sono sporadici, ha trasformato la casa di famiglia in un rifugio per i suoi studenti.

Lasciando Bergen Sara ha dovuto abbandonare le amiche di sempre, senza riuscire veramente ad integrarsi nell’ambiente di Oslo e a costruirsi delle amicizie sincere. Le difficoltà economiche che impediscono di terminare i lavori della casa ereditata dal nonno di Sigurd, il lavoro di Sara che non ingrana mentre quello di Sigurd lo tiene sempre più lontano da casa, la rinuncia ad avere un figlio, la solitudine con cui Sara trascorre le proprie giornate e anche le proprie serate davanti alla televisione, hanno messo in crisi il matrimonio di Sara e Sigurd.

Un venerdì mattina Sigurd esce di casa presto, diretto in montagna per trascorrere un weekend con i suoi amici. Per Sara si prospettano due giorni di libertà, fortunatamente privi delle stantie recriminazioni che si fanno l’un l’altra. Nel tardo pomeriggio di venerdì Sara riceve una telefonata dagli amici di Sigurd che la avvisa del suo mancato arrivo a destinazione che la lascia perplessa: in un messaggio trovato nella segreteria telefonica il marito asseriva di essere arrivato e di essere in compagnia degli amici. Per quale motivo Sigurd avrebbe dovuto mentirle? Sara tenta di trovare una spiegazione applicando alla sua vita la stessa analisi che riserva ai suoi pazienti, ma non sarà facile.

Papà si accomoda sulla poltrona. Sta leggendo Michel Houellebecq. – Quel tipo è davvero speciale – dice. – È oscuro, non c’è modo di dire il contrario, ma al tempo stesso, Sara, penso che ci sia molto da imparare standosene seduti al buio a osservare il mondo per un po’. Credo che sia un’attività essenziale. Uno deve solo assicurarsi di emergere dalle tenebre dopo, e non rimanerci incastrato dentro.”

Mi è piaciuto

La trama e la suspense sono ben costruite. I personaggi hanno spessore e credibilità. Nel complesso il giudizio è positivo anche se l’eccessiva attenzione analitica dei dettagli e l’estrema freddezza della protagonista mi hanno impedito di provare empatia per lei e di sentirmi completamente coinvolta nella narrazione. Il colpo di scena finale ha però contribuito a far risalire il mio giudizio.

Voto: 4/5


Titolo La terapeuta

Autore Helene Flood

Paese Norvegia

Editore Mondadori, 2020

Numero pagine 322

Se siete interessati ad acquistare questo libro noi vi suggeriamo di preferire le piccole librerie indipendenti. Se però avete necessità di acquistarlo online, usando il link qui sotto una piccola percentuale del prezzo ci verrà accreditata permettendoci di seguire la nostra passione e acquistare altri libri da consigliarvi. Grazie!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *