Narrativa italiana

Nella luce di un’alba più fredda di Hans Tuzzi

Sono gli ultimi giorni del 1990 e Norberto Melis, dirigente della Questura di Milano, assillato dal questore preoccupato esclusivamente dalle ripercussioni delle statistiche negative, cerca con la sua squadra, di trovare il bandolo della matassa di tre omicidi: un uomo ritrovato senza vita sul ciglio della strada e due anziane donne uccise nella loro abitazione con le identiche brutali modalità. Tre delitti la cui soluzione sembra molto lontana a cui si aggiunge l’omicidio di un avvocato civilista.

Preciso, desideroso di comprendere le vittime per arrivare ai loro assassini, Melis nella vita privata ha accanto Fiorenza, una donna colta e paziente che gli lascia tutto lo spazio di cui lui, necessariamente, deve poter usufruire a causa del suo lavoro.

E mentre Milano si avvicina al Natale, Melis con la sua spiccata intuizione riesce a capire finalmente quale è il sottile filo rosso che unisce le morti.

“Tutti noi portiamo la morte appostata sulle spalle, solo che non ci pensiamo: da giovani, poi, ci crediamo eterni. Dopo, per alcuni, qualcosa accade, e ne diventiamo consapevoli: si può morire, dall’oggi al domani. O anche più in fretta.”

Mi è piaciuto

Una scrittura intrigante e, come sempre nei romanzi di Hans Tuzzi, ricca di stimoli e perfetta. Un bel giallo ambientato nella Milano degli anni di poco precedenti Mani Pulite e un protagonista che non delude.

Voto: 4/5


Titolo Nella luce di un’alba più fredda

Autore Hans Tuzzi

Paese Italia

Editore Bollati Boringhieri, 2021

Numero pagine 198

Se siete interessati ad acquistare questo libro noi vi suggeriamo di preferire le piccole librerie indipendenti. Se però avete necessità di acquistarlo online, usando il link qui sotto una piccola percentuale del prezzo ci verrà accreditata permettendoci di seguire la nostra passione e acquistare altri libri da consigliarvi. Grazie!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *