Fatti e personaggi

Se solo il mio cuore fosse pietra di Titti Marrone

Nel 1945 a Lingfield, il cottage nella campagna inglese messa a disposizione da un benefattore, viene organizzato un centro di accoglienza per bambini soli reduci dai campi di sterminio. Ne arrivano complessivamente venticinque. Alcuni sono stati affidati dai genitori a estranei, nell’estremo tentativo di salvare loro la vita, altri hanno trascorso anni nascosti al buio in assoluta solitudine, qualcuno ha dimenticato i volti dei genitori visti per l’ultima volta nei lager. Tra loro c’è persino chi non conosce nemmeno il proprio nome. Tutti, a causa dall’inferno che hanno vissuto, sono segnati da profondi traumi psicologici e fisici.

Alice Goldberger, la psicoterapeuta responsabile di Lingfield e la sua equipe, sotto la supervisione di Anna Freud, procede a piccoli passi: l’obiettivo iniziale è quello di riavvicinare i bambini alla vita, allontanandoli dal senso di morte imminente con cui hanno trascorso gli ultimi anni, attraverso il riappropriarsi di piccoli gesti come l’approccio al cibo o l’igiene personale. La conquista successiva è la fiducia negli adulti e l’integrazione con il mondo esterno, inserendo i bambini nella scuola locale. L’ultimo passo è l’analisi psicologica, nel tentativo di dare voce all’angoscia vissuta e potersene liberare. È un percorso arduo, in cui basta poco a cancellare i traguardi raggiunti: il latrato lontano di un cane, la voce di alcuni uomini che parlano in tedesco o la vista del pulmino scolastico sono sufficienti a far sprofondare nuovamente i bambini nel baratro del terrore. 

Di pari passo il Comitato ebraico si occupa delle pratiche burocratiche per arrivare all’individuazione di quel che resta delle famiglie dei bambini o in mancanza per dare inizio alla loro adozione. In entrambi i casi per i bambini di Lingfield il percorso si rivela duro e doloroso.

“<Sono stati quelli passati per Auschwitz i più sfortunati? O quelli tenuti nascosti e lasciati soli? Esiste la possibilità di una graduatoria degli eventi scioccanti provocati dalla guerra? È mai accaduto prima a dei bambini quello che stiamo scoprendo adesso? Perfino la parola traumi appare insufficiente, inadeguata a rappresentarli, se consideriamo la facilità con cui tendiamo a usarla per inconveniente imparagonabilmente minori. Da ora in poi, o ne inventiamo un’altra, o diciamo trauma solo in presenza di fatti di questa gravità.> E nella visita successiva della dottoressa a Lingfield, si lasciò andare a una confidenza personale che solo un anno prima non avrebbe mai pensato di arrivare a farle. <A volte vorrei avere il cuore di pietra per non essere sopraffatta dal loro dolore.>”

Mi è piaciuto

perché è un libro intenso che racconta una storia dolorosamente vera. L’orrore della guerra fatta dagli adulti vista attraverso gli occhi dei bambini che ne sono vittime innocenti e che, se pur sopravvissuti, ne pagano a caro prezzo le conseguenze.

Voto: 4/5


Titolo Se solo il mio cuore fosse pietra

Autore Titti Marrone

Paese Italia

Editore Feltrinelli, 2022

Numero pagine 231

Se siete interessati ad acquistare questo libro noi vi suggeriamo di preferire le piccole librerie indipendenti. Se però avete necessità di acquistarlo online, usando questo link una piccola percentuale del prezzo ci verrà accreditata permettendoci di seguire la nostra passione e acquistare altri libri da consigliarvi. Grazie!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.