Narrativa straniera

Stella di Takis Wurger

Friedrich è un giovane ragazzo svizzero, con ambizioni artistiche, la cui vita è stata dolorosamente segnata da un grave episodio di violenza e da una madre anaffettiva che l’ha portato alla convinzione di essere invisibile. Deciso a scoprire se siano vere le notizie che giungono dalla Germania, riguardanti la persecuzione degli ebrei, si trasferisce a Berlino, dove incontra la modella Kristin. Tra i due nasce un rapporto d’amore e passione ma anche di sudditanza: attraverso Kristin, Friedrich riesce a sentirsi finalmente amato e allo stesso modo Kristin, quando è con Friedrich, si sente finalmente “a casa”. Niente è come sembra nella Berlino delle SS e dei rastrellamenti, in cui nei parchi agli ebrei è consentito sedersi unicamente nelle apposite panchine gialle, in realtà inesistenti, e Friedrich, che insegue sempre e comunque la verità, scopre quanto essa sia fuggevole e quanto si precario il confine tra giusto e sbagliato.

Ero un giovane con tanti soldi e un passaporto svizzero, che aveva pensato di poter vivere in questa guerra senza aver nulla a che fare con essa. Ero arrivato come turista. Ero stato stupido.

Mi è piaciuto

L’autore, ha preso spunto da fatti realmente accaduti e documenti storici, per intessere la trama del suo romanzo, scritto in uno stile asciutto che non regala spazio al sentimentalismo. La parte iniziale mi ha trasmesso un enorme tristezza, senza mai cadere nel pietismo, il seguito (inframezzato da reali testimonianze) mi ha spinto a procedere oltre, alla scoperta del finale con un misto di timore e urgenza.

Voto: 5/5


Titolo Stella

Autore Takis Wurger

Paese Germania

Editore Feltrinelli 2019

Numero pagine 179

Se siete interessati ad acquistare questo libro noi vi suggeriamo di preferire le piccole librerie indipendenti. Se però avete necessità di acquistarlo online, usando il link qui sotto una piccola percentuale del prezzo ci verrà accreditata permettendoci di seguire la nostra passione e acquistare altri libri da consigliarvi. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *