Narrativa italiana

Insegnami la tempesta di Emanuela Canepa

Da tempo Emma è pervasa da un’inquietudine sottile e maligna. I suoi rapporti con Matilde, sua figlia, sono ridotti al minimo. Matilde è una ragazza solitaria, di poche parole e molto determinata che negli ultimi tempi si è staccata da lei e rivendica i propri spazi.

Matilde accusa la madre di essere troppo severa e assillante, Emma soffre nel sentirsi tagliata fuori dalla vita della figlia e sente su di sé il peso della responsabilità. La sua sofferenza è ancora più acuta a causa del rapporto quasi esclusivo che la figlia ha con Fausto, suo marito, che non ha alcun legame biologico con Matilde perché la ragazza è il frutto di una relazione occasionale e Fausto, pur non essendo il padre, ha sposato Emma prima della nascita della bambina.

Nonostante il marito ami lei e Matilde di un amore incondizionato, Emma, da quando la figlia è nata, trascina un fardello che con il passare del tempo si è ingigantito e l’indifferenza di Matilde nei suoi confronti non fa che acuirne il peso.

Quando Matilde confessa ai genitori di aspettare un bambino, Emma è devastata e il rapporto tra di loro si deteriora ulteriormente. Matilde, esasperata dalla situazione, decide di andarsene di casa e si rifugia in Toscana in un convento di Clarisse e la madre la insegue con l’intento di riportarla a Roma. Nel convento però Emma non trova la figlia, che se ne è andata non appena ha saputo del suo arrivo, ma Irene, la sua migliore amica che, poco prima della nascita di Matilde, se ne era andata abbandonandola a sé stessa.

Il silenzio irreale e la solitudine dei pochi giorni trascorsi in convento aiutano Emma a cercare una risposta alle sue domande, a rileggere gli eventi della sua vita sotto una luce diversa e soprattutto a comprendere che il distacco dai figli non sempre significa rottura ma crescita.

“Si era caricata di ogni colpa quando era rimasta incinta, e loro avevano appoggiato quella versione. E adesso che era dall’altra parte della barricata, la colpa era comunque sua perché aveva creduto di essere diversa dai suoi, e di nuovo aveva fallito. È questo che mi diranno quando dovrò raccontarglieli, pensò. Che pessimo esempio sei stata per tua figlia. Una catena di fallimenti senza rimedio.”

Mi è piaciuto molto

Una storia intensa, piena di dolore, di sacrificio e di amore. Un racconto che seziona l’amore materno e lo rivolta sino a svelarne gli angoli nascosti sviscerando il complicato rapporto tra madre e figlia.

Voto: 5/5


Titolo Insegnami la tempesta

Autore Emanuela Canepa

Paese Italia

Editore Einaudi, 2020

Numero pagine 237

Se siete interessati ad acquistare questo libro noi vi suggeriamo di preferire le piccole librerie indipendenti. Se però avete necessità di acquistarlo online, usando il link qui sotto una piccola percentuale del prezzo ci verrà accreditata permettendoci di seguire la nostra passione e acquistare altri libri da consigliarvi. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *