Gialli nordici

La signora di Reykjavik di Ragnar Jonasson

Qualche filo grigio nei capelli, rughe, occhiaie e, allo specchio, un volto che sembra quello di un’estranea. Manca poco per andare in pensione e Hulda sa che il suo lavoro di investigatrice le mancherà. Teme il momento in cui dovrà lasciarlo e ha paura di invecchiare in solitudine.

Quello che non si aspetta è che il suo capo, Magnus, le comunichi che i suoi casi sono stati affidati ad altri colleghi e che nel giro di due settimane sarà sostituita da una giovane promessa della polizia. Frustrata e arrabbiata Hulda, che non può trascorrere gli ultimi quindici giorni della sua vita lavorativa senza fare nulla, strappa al capo il permesso di potersi occupare un vecchio caso irrisolto.

E lei sa bene su quale caso indagare. Dieci anni prima una giovane donna russa richiedente asilo è annegata in una baia non lontana da Reykjavik. La pratica è stata frettolosamente archiviata come omicidio, ma Hulda è convinta che si tratti di omicidio.

“Per troppo tempo Hulda aveva chiuso gli occhi davanti alla verità. Conviveva con le conseguenze devastanti di quella tragedia da oltre un quarto di secolo. Non sapeva quando esattamente si era resa conto di cosa stava succedendo ma, a quel punto, era già troppo tardi.”

Mi è piaciuto

perché riesce a coniugare la trama gialla con un’indagine psicologica dei personaggi e una protagonista tormentata e insolita.

Voto: 4/5


Titolo La signora di Reykjavik

Autore Ragnar Jonasson

Paese Islanda

Editore Marsilio, 2022

Numero pagine 239

Se siete interessati ad acquistare questo libro noi vi suggeriamo di preferire le piccole librerie indipendenti. Se però avete necessità di acquistarlo online, usando questo link una piccola percentuale del prezzo ci verrà accreditata permettendoci di seguire la nostra passione e acquistare altri libri da consigliarvi. Grazie!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.